Giardinando


Nell’ambito delle attività programmate per potenziare le competenze di Tecnologia, con i ragazzi delle classi 2A e 2B della scuola primaria di secondo grado abbiamo fatto visita, nei giorni scorsi, al vivaio del signor Di Bella che si trova in una proprietà limitrofa il confine meridionale del plesso scolastico di via Leotta. L’attività prevista ha fatto seguito ad alcune esperienze di semina e trapianto svolte in aule a corollario delle attività teoriche programmate in tema di agricoltura e più in particolare di metodi di propagazione delle piante. Approfittando della gentilezza del signor Di Bella che ci ha messo a disposizione a titolo gratuito i vasi e il terriccio necessario abbiamo eseguito la messa a dimora di bulbi di Lilium candidum meglio conosciuto come Giglio di Sant’ Antonio.
Equipaggiati con guanti e palette i ragazzi hanno riempito i vasi mesi a disposizione e dopo avervi adagiato sopra un bulbo già in germoglio, ne hanno ricoperto le radici con nuova terra per la copertura definitiva.
 
Sono state poi fornite ai ragazzi istruzioni di coltivazione suggerendo di posizionare il vaso in un balcone esposto al sole diretto perché il giglio per fiorire in estate ha bisogno di molta luce e calore. Per quanto riguarda poi le annaffiature si è raccomandato di non eccedere con l’acqua che, se troppa, potrebbe causare marciume radicale: quindi un bicchiere o due al massimo ogni sette giorni aspettando che il terriccio si asciughi prima di una nuova innaffiatura. 
Applicare in un laboratorio all’aperto le nozioni studiate in teoria è stato senza dubbio molto istruttivo  e visto l’entusiasmo manifestato dai ragazzi anche molto gratificante.

Commenti